fbpx

COME FUNZIONA L’ALGORITMO DI INSTAGRAM?

Instagram cambia l’algoritmo e inserisce novità importanti come lo shadow ban, che abbiamo visto in questo post.

Le novità però non finiscono qui e, sulla scia di facebook, il buon Mark ha ridotto la reach organica dei nostri post su Instagram

Ma è davvero così?

Ovviamente no.

Bufale in giro per il web se ne sentono e leggono tante.

Voglio confidarti una cosa.

Gli algoritmi, compreso l’algoritmo di Instagram, sono macchine, e come tutte le macchine, hanno un meccanismo di funzionamento che può essere compreso e sfruttato a proprio vantaggio.

L’algoritmo di Instagram è una macchina e può essere controllata.

Pensa alle prima volte che hai guidato una macchina.

Alle prime volte che hai dovuto premere la frizione e lasciarla andare piano piano per poi premere l’acceleratore e partire.

A come hai dovuto memorizzare di dovere schiacciare la frizione ogni volta che volevi cambiare marcia e capire quando cambiarla.

O quando hai imparato ad andare in bicicletta, dove hai dovuto trovare l’equilibrio prima di pedalare spedito e senza cadere.

Ecco un algoritmo è così. Va capito per riuscire ad arrivare a destinazione, a raggiungere i nostri obiettivi.

Solo che, a differenza di una macchina o una bicicletta, non c’è nessuno a spiegartelo.

Tranquillo, in questa guida troverai le tue risposte!

Prima di capire l’algoritmo di Instagram però, dobbiamo capirne gli obiettivi.

Quali sono gli obiettivi dell’algoritmo di Instagram?

Come in tutte le strategie, anche un algoritmo ha degli obiettivi, che andranno a riflettere il volere che il brand, in questo caso Instagram, vorrà attuare per il proprio servizio.

L’obiettivo di Instagram è semplice: migliorare l’user experience dei propri utenti per tenerli piu’ a lungo sulla propria piattaforma.

Capirai bene quindi che è importante, ancora una volta, ENGAGEMENT E CONTENUTI.

Come spiego nella mia Newsletter dedicata alla Instagram Challenge (puoi iscriverti qui) i contenuti sono e devono essere il fulcro della tua strategia su Instagram

Buoni contenuti ottengono un buon engagement, e con un buon engagement si ottiene visibilità.

Potrebbe interessarti anche la mia guida su Come Aumentare i follower Instagram

Tutto chiaro fin qui?

Procediamo.

Qual è l’obiettivo di Instagram?

Instagram non vorrà mai che un utente abbia una cattiva esperienza sul proprio sito, così come tu non vuoi che i tuoi clienti abbiano una brutta esperienza coi tuoi prodotti e servizi o che i tuoi lettori escano dal tuo blog perchè non trovano contenuti interessati.

Ricorda che Instagram ha 400 milioni di utenti attivi, i quali producono altrettanti contenuti.

E’ ovvio che con l’algoritmo, il suo obiettivo è quello di scremare questi contenuti, decidere i migliori e mostrarli in base alle preferenza che hai dimostrato sulla piattaforma.

Aspetta, cosa vuol dire?

Vuol dire che se segui account della nicchia fashion, segui hashtag inerenti al tema e interagisci con questo tipo di contenuti, Instagram ne coglie che tu sia interessata alla moda e al mondo fashion.

In questo modo, selezionerà i migliori contenuti sul tema e te li mostrerà sia nel feed esplora (dove vi saranno profili che segui e non) che sulla home, dove ti appariranno altre due tipologie di post:

  1. Le foto dei profili con cui interagisci di piu’
  2. Le foto dei top post degli hashtag che segui.

Esatto, Instagram scremerà anche le persone che segui, mostrandoti solo coloro a cui tu hai dimostrato maggiore interesse.

Tutto questo, ricorda, è per migliorare la tua user experience.

Ma come facciamo ad utilizzare queste informazioni sul funzionamento dell’algoritmo di Instagram a nostro vantaggio?

E’ molto semplice in realtà.

Innanzitutto, dovrai focalizzarti su 4 aspetti principali:

  1. NICCHIA
  2. CONTENUTI
  3. HASHTAG
  4. INTERAZIONE

Vediamoli uno ad uno

NICCHIA

Il primo passo per avviare un account Instagra di successo è la scelta della nicchia.

FOCUS, lo dico sempre.

Scegli un topic, quindi un argomento, sul quale creare e pubblicare contenuti.

Il consiglio che ti do, specie se ti trovi agli inizi, è quello di scegliere una nicchia che non sia troppo competitiva o generale.

Per esempio le nicchie piu’ competitive sul mercato di Instagram sono sicuramente la nicchia Travel e la nicchia Fashion.

Cosa vuol dire che sono competitive?

Significa che ci sono altri milioni e milioni di account e profili che pubblicano contenuti Travel o contenuti Fashion.

A questo punto quindi, è necessario differenziarsi.

Come?

Scegliendo delle sotto nicchie meno competitive.

Per esempio tornando al Travel, potremmo puntare sui viaggi in un determinato luogo, oppure una tipologia di viaggio particolare come i viaggi zaino in spalla o la montagna.

Nel caso del Fashion, potrei decidere di focalizzarmi su intimo, costumi da bagno oppure abbigliamento sportivo.

Sono nicchie molto meno competitive e che ti assicureranno delle collaborazioni senza avere migliaia e migliaia di followers, competitors e rivali.

Se vuoi utilizzare Instagram per una strategia commerciale e quindi acquisire clienti o aumentare le vendite Instagram può davvero essere un alleato vincente! Ma su questa tipologia in particolare farò un post a parte.

Andiamo avanti!

Una volta scelta la mia nicchia, dovrò iniziare la produzione di contenuti!

Bada bene, questi sono i passaggi fondamentali che andranno a costituire le fondamenta del tuo account. E sai meglio di me come bisogna costruire bene le fondamenta per erigere una casa sicura!

Per saperne di piu’ guarda i video sulla mia pagina Facebook!

CONTENUTI

Content is King, su Instagram piu’ che altrove.

Le nostre foto devono essere di qualità, coerenti con la nostra nicchia e unite tra loro attraverso l’utilizzo di un feed cromatico e omogeneo.

Ne ho parlato in maniera approfondita qui.

HASHTAG

La conosci la teoria degli hashtag piccoli medio e grandi?

Te la spiego subito.

Un modo per ottimizzare l’utilizzo degli hashtag è quello di fare una ricerca accurata di hashtag inerenti alla nostra nicchia e suddividerli in gruppi:

  • 10 hashtag piccoli (da 0 a 999.999 post)
  • 10 hashtag medi (da 1 milione a 5 milioni di post)
  • 10 hashtag grandi (dai 5 milioni in su’)

L’algoritmo di Instagram penalizza coloro che utilizzano sempre gli stessi hashtag, quindi ti consiglio di creare 3 gruppi di hashtag composti nel modo che ti ho mostrato sopra e utilizzarli a rotazione nelle diverse foto.

Questo implica che tu ricerchi e trovi 30 hashtag piccoli, 30 hashtag medi e 30 hashtag grandi che andrai poi a suddividere in 3 gruppi di hashtag da 30 hashtag ciascuno, che è il limite massimo di hashtag che potrai utilizzare su Instagram

Dove metto gli hashtag?

Che tu li voglia mettere nel primo commento per tenere la descrizione pulita o che ti piaccia inserirli nella descrizione, a livello di algoritmo fa poca differenza nel senso che ad oggi non risulta esserci alcuna differenza se posizionati da una parte piuttosto che dall’altra.

Un consiglio che ti do’, ed è la stessa tecnica che utilizzo anche io è di metterli nella descrizione, preceduti però da un elenco puntato che andrà di fatto a nasconderli ancora di piu’.

Ciò che verrà mostrato sarà: @nomeutente {…}

Dove solo chi clieccherà effettivamente sul commento potrà vedere gli hashtag che hai utilizzato.

L’obiettivo sarà quello di finire nei top post inerenti ciascun hashtag utilizzato così da raggiungere un audience di MILIONI di utenti.

Ricordi che abbiamo detto che nella home appaiono i top post degli hashtag che segui?

Ecco, è una possibilità di visiblità pazzesca!

Ecco come, usando questa strategia, sia finita piu’ e piu’ volte nei top post degli hashtag utilizzati:


Come puoi vedere non solo sono finita innumerevoli volte nei top post dei miei hashtag ma sono addirittura arrivata ad essere il volto dell’ hashtag #milanomodadonna.

Ma non finisce qui.

Utilizzando la tecnica della suddivisione degi hashtag sono riuscita a scalare la popolarit’ degli hashtag fino a raggiungere i top post di un hashtag da 4 milioni di post. 

Non ci credi?

Guarda tu stesso:

Impressionante, non è vero?

Puoi farlo anche tu, semplicemente adottando queste strategie!

Se ancora non lo fai, seguimi su Facebook per capire meglio come fare la ricerca degli hashtag e trovare quelli piu’ performanti per il tuo profilo!

INTERAZIONE

Questa è la parte social, quella che volendo si può automatizzare o curare personalmente e manualmente.

A te la scelta.

Come ogni social, anche su Instagram si dovrà interagire andando quindi a mettere like e commenti ai post che ci piacciono e a seguire gli account che preferiamo.

Inoltre, essere taggati, sia nei commenti che in foto, è un fattore positivo per instagram e andrà quindi ad aumentare il punteggio del tuo profilo, portando Instagram a donarti piu’ visibilità.

Parleremo di fattori positivi e negativi piu’ avanti in questa guida.

Ecco. IMPORTANTE.

Quando segui qualcuno chiediti sempre perchè lo fai e prova a chiederti la stessa cosa per il tuo profilo.

Perchè le persone dovrebbero seguirmi?

Coso offro loro?

Ho contenuti interessanti? Ispirazionali? Creo valore?

Sono domande che ti dovrai porre ogni qualvolta produrrai un contenuto.

Non pubblicare tanto per, piuttosto non farlo.

Precisato tutto ciò (scusami, erano premesse dovute!) andiamo a capire in quale modo sfruttare al massimo il potenziale di Instagram!

Abbiamo detto che i contenuti migliori saranno visualizzati maggiormanete ed esposti a maggior visibilità da parte di Instagram.

Ma quanto spesso postare?

Come in tutte le cose, la costanza è quella che fa la differenza.

Il ciclo di vita di una foto su Instagram è di circa 3 ore, quindi potenzialmente, potremmo postare un contenuto ogni 3 ore.

Questo contenuto però, dovrà essere di valore e creare engagement, quindi assicurati di pubblicare contenuti di qualità, inerenti alla tua nicchia e in linea col tuo feed.

Se vuoi pubblicare solo per pubblicare, perchè magari per quel giorno non hai un contenuto pronto…NON FARLO!

Ti potrebbe penalizzare!

Instagram infatti ha una scala di valutazione con il quale valuta il tuo profilo e i tuoi contenuti e decide quanta visibilità darti e a quali utenti.

FATTORI POSITIVI VS FATTORI NEGATIVI NEL NUOVO ALGORITMO INSTAGRAM

FATTORI POSITIVI

FATTORI NEGATIVI

NUMERO DI FOLLOWERS

CANCELLARE LE PROPRIE FOTO (ARCHIVIATELE PIUTTOSTO!)

ALTO LIVELLO DI ENGAGEMENT

(AVERE TANTI FOLLOWERS SENZA ENGAGEMENT EQUIVALE A NON AVERNE)

BASSO LIVELLO DI ENGAGEMENT

PROFILO CERTIFICATONON RISPETTARE I LIMITI DI INSTAGRAM (TROPPI FOLLOW, UTILIZZO BOT ECC…)
VENIRE TAGGATI DA ALTRI UTENTIVENIRE SEGNALATI (SPAM, SEGNALAZIONE, BLOCCO ACCOUNT)
CONSISTENZA E CONTINUITÀ DI PUBBLICAZIONENON ESSERE ATTIVO (NO POST, NO COMMENTI, NO AZIONI)
VARIAZIONE DEGLI HASHTAG UTILIZZATI (NON UTILIZZATE SEMPRE GLI STESSI!!)

UTILIZZARE SEMPRE GLI STESSI HASHTAG!

Per Oggi direi che è tutto, ti aspetto sulla mia pagina Facebook per contenuti extra quali Video e Live inerenti la mia #InstagramChallenge, come crescere su Instagram!

Ad Maiora,

Lady Marketer!

Qui il profilo Instagram di LadyMarketer, che te ne pare?

[wdi_feed id=”1″]


Lady Marketer

Stefania Cassarino, Blogger, Marketer, Imprenditrice Digitale. A 14 anni apro il mio primo blog, a 16 la mia prima pagina facebook di successo, a 20 anni la mia prima esperienza da imprenditrice. Aiuto le persone a trasformare le proprie passioni in Business e dar loro l'asset giusto da cui sviluppare il proprio mindset e la propria strategia.

6 commenti

Veronica · 21/03/2018 alle 1:52 PM

Articolo davvero interessante! Fin’ora ho curato poco Instagram, tant’è che non lo conosco neanche molto bene come social, ma vorrei cercare di curarlo e seguirlo di più. Proverò a mettere in pratica i tuoi consigli, a cominciare dal creare i gruppi di hashtag. grazie mille!

    Lady Marketer · 22/03/2018 alle 1:04 AM

    Grazie mille Veronica!
    Instagram è davvero uno strumento potentissimo e non si può piu’ snobbare!
    Ci sono interi business basati su Instagram e anche il giro d’affati che c’è dietro è gigantesco!!
    Spero di continuare a darti spunti interessanti da cui partire e con cui attuare la tua strategia e i tuoi contenuti!
    Fammi sapere come va la tua ricerca di Hashtag, sono sicura che otterrai dei bei risultati!!!
    Un abbraccio!!

Alessia Pellegrini · 21/03/2018 alle 3:39 PM

Grazie mille dei consigli Lady, puntuali come sempre!! Una mini guida per postare contenuti vari ma coerenti tra loro all’interno della propria nicchia? Mi interesserebbe molto! ☺

    Lady Marketer · 22/03/2018 alle 1:02 AM

    Ciao Alessia!!!
    Grazie mille per i complimenti, sai che li apprezzo tantissimo!
    In realtà non ci avevo pensato ma è assolutamente qualcosa di inetresante!!!
    Grazie per lo spunto! Ci lavoro su al piu’ presto!
    Un bacione!

Costa Creations · 25/03/2018 alle 11:43 AM

bellissimo articolo!! sai non sapevo che instagram penalizza chi usa sempre stessi hashtag.. praticamente io faccio quasi sempre copia e incolla!! :O

    Lady Marketer · 26/03/2018 alle 5:32 AM

    Grazie mille Costa!
    Sono felicissima che grazie a me hai imparato qualcosa di nuovo!
    Prova a creare 3 gruppi da 30 e utilizzarli a rotazione!
    Credimi, ne otterrai benefici!

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.