fbpx
Seguici

Come fare Personal Branding: come si crea un Brand?

La cosa piu’ affascinante dell’era digitale è che Internet ha demolito le barriere all’entrata del mercato.

Tutti hanno un computer o un accesso ad internet.

Ed questo accesso ci espone a milioni di opportunità.

Pensaci.

Ognuno di noi, con pochi euro, può creare un blog, o aprire un e’commerce.

Ognuno di noi può iniziare la propria carriera da freelance semplicemente utilizzando internet per promuoversi e per trovare clienti o ancora meglio, farsi trovare.

Internet è molto meritocratico: dà alle piccole aziende la possibilità di aver una grand voce.

Questa demolizione delle barriere però, ha, come tutte le cose, anche il rovescio della medaglia.

Essendo una cosa che ormai tutti possono fare, tanti, tantissimi lo fanno.

E’ davvero ormai raro trovare un marcato in cui non ci sia competizione.

E dove non c’è competizione, probabilmente è perchè non c’è un mercato.

La domanda allra sorge spontanea:

Come fare a differenziarsi?

Come essere competitivi?

Nella mia guida al Digital Marketing per Beginners, spiego molto bene quanto sia importante riuscire a trovare il fattore che ci rende unici e che rende il mio brand diverso da tutti gli altri.

Perchè per arrivare al punto in cui la nostra voce diventa grande, bisogna avere un elemento che ci rende unici, che ci differenzi da tutti gli altri.

Creare un Brand vuol dire innanzitutto riuscire ad essere riconoscibili, e la prima cosa con cui veniamo giudicati (nel bene e nel male) ed è per questo che è importante riuscire a trasmettere attraverso ogni canale in cui siamo presenti quello che il nostro brand rappresenta.

E noi non rappresentiamo un prodotto o un servizio.

Quello non ci rende unici, ci rende uguali a tutti gli altri.

Noi rappresentiamo un’esperienza, e questa esperienza deve essere unica.

Ma come arrivare a questo punto?

Siamo chiari.

Non si costruisce un Brand dal giorno alla notte, nè in una settimana o un mese.

E’ un processo basato sul lungo termine e con un obiettivo ben chiaro in mente.

Crea la tua Brand Strategy

Partiamo da un concetto chiave.

Il tuo Brand non è il tuo prodotto, o il tuo blog o il tuo nome.

Il tuo Brand rappresenta l’intera identità aziendale. E’ ogni singolo aspetto di ciò che offri, della tua comunicazione, il logo, o la tua etica.

Sono le emozioni che fai provare ai tuoi clienti o ai tuoi stakeholder, l’idea attorno al quale sviluppi la tua intera attività.

Pensa ad Apple.

Apple non ha mai descritto i propri prodotti.

Non è prodotto che fa di Apple il brand che è oggi.

E’ l’idea che abbiamo di Apple che fa di Apple un brand.

Ok, non facciamo troppo i filosofici.

Quello che ha fatto Apple, è stato partire con una domanda molto semplice: WHY. Perchè.

Perchè le persone dovrebbero comprare il nostro prodotto, che a caratteristiche può essere concepito come un equivalente di IBM o Microsoft.

Non era di certo la descrizione tecnica.

No.

Era un’idea, una visione, un’ambizione attorno al quale costruire un proprio life style.

Entrare in un marcato in cui erano presenti colossi come IBM, Olivetti e Microsoft non deve essere stato facile.

Il punto è proprio questo: il brand non è il prodotto, il logo, il website o il nome del tuo blog o azienda.

Il brand è un concetto molto piu’ ampio e complicato, quasi viscerale e spesso un aspetto intangibile della tua brand identity.

E’ la tua identità, o meglio, come dice Jeff Bezos, il fondatore di Amazon

Ma cerchiamo di capire nella pratica, quali sono gli elementi da cui partire per creare una buona Brand strategy.

Sia chiaro, questo articolo è il primo di molti, non ci si può illudere di poter spiegare un argomento così vario, delicato e coplicato in un articolo di blog.

Partiamo però dalle basi, per riuscire a costruire, piano piano e passo dopo passo, un personal branding efficace.

Cos’è che fa di un Brand…un Brand?

La costanza..

Innanzitutto.

Ci sono degli elementi che dovrebbero rimanere sempre gli stessi indipendentementi dai canali di promozione che utilizzi per comunicare con la tua Audience.

Che sia sui Social Network, sul tuo Blog o ad un evento offline il tuo pubblico dovrebbe avere la stessa esperienza.

Indipendentemente da dove si trovano.

Ma quali sono, quindi, gli elementi base, che lo costituiscono?

Vediamolo insieme!

  • Come fare personal branding: Il logo

Il logo è la parte fondamentale con cui viene riconosciuto un Brand.

La mela di Apple, il simbolo della dea Vittoria di Nike, l’uccellino di Twitter, gli archi di McDonalds, le tre strisce di Adidas…

Il logo è quel simbolo che identifica il tuo Brand.

Non servono parole, non serve il nome. Il logo rimanderà al tuo brand in maniera inequivocabile ed è piu’ semplice da ricordare di un nome.

E’ piu’ immediate ed è visual. E lo sappiamo tutti come un’immagine sia piu’ facilmente memorizzabile di un testo, giusto?

  • Come fare personal branding: I Colori

I colori sono un altro aspetto importante per il nostro Branding e sono quelli che ci dovrebbero accompagnare sempre.

Diventare riconoscibile per I colori è davvero una grande cosa.

Pensa a Facebook, ha cambiato layout e grafica col tempo, ma ha sempre mantenuto la propria sfumatura di blu.

Ferrari, ha fatto del rosso e giallo il suo cavallo di battaglia.

Questa frase era sottile.

Tiffany!

Donne, quante di voi alla vista di quell’azzurro mare non pensano a Tiffany e ai suoi gioielli?

I colori che ti rappresentano, sono quelli che ti dovrai portare sempre, che aiutano le persone a distinguerti e ricordarti di te anche se non sei di fronte ai loro occhi in quel momento.

Il tuo sito, il tuo packaging, i tuoi profili social.

Tutti dovrebbero rimandare a quei colori.

Quei colori sono parte del tuo brand.

  •  Come fare personal branding: Tono di voce

Qual è il tono di voce che utilizza il tuo brand?

E’ professionale?

Irriverente?

Arrogrante?

Provocatorio?

Certo che avrai un tono di voce diverso in base alla situazione in cui stai comunicando, ma lo stile sarà sempre lo stesso e riconoscibile.

Creano anche aspettativa sui contenuti che andrai a condividere, relazionandoti con la tua audience e rendendoti riconoscibile.

  • Come fare personal branding: Il Nome di Dominio

Sembra semplice, eppure ancora in molti non ci pensano o lo reputano poco importante.

Si parla di brand, si parla di aziende ma anche di blog.

Il tuo dominio dovrebbe essere allineato con il tuo brand, corto e semplice da ricordare.

Questo aiuterà a cercarti e trovarti con maggiore facilità aumentando così il tuo traffico organico.

  •  Come fare personal branding: Branded Links

Un Link Brandizzato non è nient’altro che un Shortened URL costruito intorno al nome del tuo brand.

I piu’ famosi url shortener sono Bit.ly o Goo.gl, ma cosa accadrebbe se invece di usare il brand altrui, potessi utilizzare il tuo?

La possibilità c’è, si chiama Rebrandly e ti permette di brandizzare i tuoi URL!

Fico no?

Perchè utilizzarli?

Aumentano il CTR (cost through rate) del 39%.

Se non hai ancora padronanza con questi termini, sappi che il cost through rate è numero di click ottenuti da un link, ovvero il numero di volte in cui le persone cliccano.

Con Bit.ly puoi modificare il link generato automaticamente dalla piattaforma ed inserire l’estensione che preferisci e magari collegata al contenuto cui rimanda il link.

Mi spiego meglio con un esempio:

questa è la tua URL: www.ladymarketer.net/guidadigitalmarketing

E’ un URL lungo, quindi decido di abbreviarlo con Bit.ly che me ne genererà uno così:

bit.ly/G537Vjs

Io posso cambiare ogni carattere che segue bit.ly/

E potrò modificarlo in questo modo:

bit.ly/guidadigitalmarketing

Non ti alletta di piu’?

Conclusioni

Parliamoci chiaro.

Gli elementi che compongono un brand sono molteplici e questa è solo una prima parte agli articoli che vorrei dedicare all’argomento.

Sicuramente dovremmo inziare da una buona base, elencata in questo articolo che spero riesca ad introdurti i concetti basi su cui partire e impostare la tua strategia!

Parti dall’idea, dal cosiddetto sistema di credenze attorno al quale vuoi sviluppare il tuo progetto, il tuo prodotto, servizio, il tuo blog o la tua idea imprenditoriale.

Parti dal nome, il logo, decidi i colori che ti accompagneranno e che ti dovranno rendere riconoscibile su qualunque piattaforma.

Decidi come vuoi comunicare, il tuo tono di voce, la formalità o informalità con cui instaurare relazioni solide con i tuoi clienti o potenziali tali.

Metti tutto insieme ed inizia, piano piano, a costruire la tua identità sul web!

Ricorda, non è un processo immediato, ma come si suol dire, chi ben comincia, è a metà dell’opera!

Ci vediamo al prossimo articolo!

Seguimi sulla mia Pagina Facebook per rimanere aggiornata sul post dedicato alla seconda parte del Personal Branding!

E tu stai costruendo il tuo Brand?

Cosa fai per rimanere fedele alla tua immagine?

Sei sicuro di essere riconoscibile per la tua audience?

Fammelo sapere nei commenti!

 


Lady Marketer

Stefania Cassarino, Blogger, Marketer, Imprenditrice Digitale. A 14 anni apro il mio primo blog, a 16 la mia prima pagina facebook di successo, a 20 anni la mia prima esperienza da imprenditrice. Aiuto le persone a trasformare le proprie passioni in Business e dar loro l'asset giusto da cui sviluppare il proprio mindset e la propria strategia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.