fbpx
Seguici

FUNNEL MARKETING, INTERVISTA A STEFANIA ZANNONI

Strutturare una buona strategia di funnel marketing e’ ormai fondamentale per sviluppare con successo le nostre attivita’ sul web. Tuttavia, ancora molte non sanno cosa sia e i benefici che puo’ portare nel raggiungimento dei propri obiettivi.

Abbiamo chiesto a Stefania Zannoni, imprenditrice digitale e founder dell’omonimo Blog, di spiegarlo a noi Lady Marketers!

Stefania e’ una professionista del web che per anni ha lavorato nel network marketing, sviluppando strategie di lead generation e maturando una profonda conoscenza dei funnel nelle sue esperienze all’interno di aziende e imprese del settore.

Ecco qui l’intervista completa:

Stefania, nella tua carriera hai spesso sviluppato strategie di funnel marketing per conto di aziende. Ma cos’e’ un funnel?

Un funnel è un sistema che ti permette di avere clienti targetizzati in quanto strutturato per suscitare interesse nel potenziale cliente e convertirlo in cliente finale.

Propongo un esempio: mettiamo il caso che io abbia un azienda che si occupa della creazione di siti web. Il mio funnel, nella prima parte (landing page) sarà impostata per creare curiosità o bisogno da parte del lead ( cliente potenziale ), per questo motivo offrirò ai miei lead un articolo/inforgrafica/ebook sulla creazione di un sito web GRATUITAMENTE ( parola magica! ). A quel punto, chi scaricherà la guida sarà sicuramente un blogger, freelance, imprenditore ( traffico targetizzato).
Passerò quindi alla optin page, nella quale mi offrirò per seguirlo passo passo nella creazione di un sito web a prezzo vantaggioso.
 
In questo stadio il lead avrà già fiducia in me e proverà il mio servizio, quindi passerò alla sales page nella quale si convertirà in cliente finale.

Gli Step di un Funnel base

1. Offri servizio gratuito per suscitare interesse

2. Fidelizza

     3. Converti in cliente.

Utilizzare questo sistema è fondamentale al giorno d’oggi prima di tutto per avere un traffico targetizzato ed interessato a ciò che offriamo. Con questo sistema risparmiamo anche tempo perchè non necessariamente bisogna avere un sito per promuovere i propri prodotti/ servizi. Si può anche decidere di  avere tutto scritto all’interno del funnel.

Come si struttura un funnel di successo?

Per creare un funnel di marketing di successo bisogna avere ben chiaro l’obiettivo finale del funnel. I contenuti devono esser di valore e lasciare qualcosa alle persone che li riceveranno.
 
Non esiste, inoltre, la formula perfetta.
 
Bisogna testare e monitorare i risultati per capire quale strategia funziona meglio per il proprio pubblico.
 
Infine, con ogni tipologia di cliente c’è bisogno di un linguaggio diverso, per questo possiamo aiutarci con optin pages diverse in base a come rispondono i leads.
 
Se ti affacci ora al mondo del web marketing e alcuni termini non ti sono del tutto chiari, non ti preoccupare. Ho qui un piccolo glossario:
 
Cosa sono le Optin Page? Sono pagine create ad hoc per riuscire a raccogliere piu’ lead possibili. Sono in un certo verso delle Landing Page ma con l’obiettivo unico di raccogliere contatti di clienti e potenziali tali.
 
Qual è il significato di Leads? Sono i contatti con cui un’azienda entra in contatto. Quando si raccolgono i contatti email, per esempio con la Newsletter, questi contatti vengono definiti leads.
 

QUALE CONSIGLIO TI SENTI DI DARE A CHI VORREBBE ADDENTRARSI NEL MAGICO MONDO DEL FUNNEL MARKETING?

Il consiglio che mi sento di dare è quello di seguire le strategie di chi già è esperto del settore per poterle applicare anche da sè.
 
Non è difficilissimo creare un funnel da soli, chiaramente ci vogliono le giuste basi e competenze per raggiungere i risutati desiderati.
 
Grazie a questo sistema avrete persone realmente interessate ai vostri servizi o prodotti, risparmierete tempo ed avrete delle vendite automatizzate.
 
E’ praticamente impossibile non utilizzare un funnel per la propria attività nell’era di internet!
 
Stefania Zannoni
in collaborazione con Lady Marketer
 
Seguimi sulla mia Pagina Facebook per non perderti le rubriche e le interviste firmate Lady Marketer ed entra a far parte della prima community italiana dedicate alle DONNE NEL DIGITALE!
 

Lady Marketer

Stefania Cassarino, Blogger, Marketer, Imprenditrice Digitale. A 14 anni apro il mio primo blog, a 16 la mia prima pagina facebook di successo, a 20 anni la mia prima esperienza da imprenditrice. Aiuto le persone a trasformare le proprie passioni in Business e dar loro l'asset giusto da cui sviluppare il proprio mindset e la propria strategia.

4 commenti

Alessia Pellegrini · 16/02/2018 alle 12:26 PM

Articolo molto interessante, su una tecnica di Marketing che ho scoperto da poco (praticamente qualche mese fa :D), ma che vedo molto applicata su Internet, e soprattutto nei settori dei servizi digitali.
Una strategia da non lasciarsi sfuggire e che mi sembra anche molto stimolante!
Mi piacerebbe approfondire meglio anche il modo con cui capire se la costruzione del proprio funnel sta procedendo bene. Ad esempio se ci sono strumenti per monitorare, consigli per captare se quello che facciamo è giusto o se sarebbe meglio modificare qualcosa.
Oltre all’esperienza e ai vari tentativi, c’è qualche accortezza in più da tenere in considerazione?
Grazie! 🙂

    Lady Marketer · 17/02/2018 alle 4:33 AM

    Ciao Alessia,
    come in tutte le strategie dipende molto dagli obiettivi per il quale crei un Funnel.

    Per esempio potresti creare un Funnel per aumentare gli iscritti alla tua NewsLetter o, per esempio, vendere un prodotto.

    Prendiamo l’esempio che il tuo funnel di vendita abbia come obiettivo l’iscrizione alla Newsletter, tramite cui tu promuovi servizi/ prodotti a pagamento.

    I passaggi per la creazione di un Funnel efficace sono i seguenti:

    1 FASE. CONSAPEVOLEZZA: le persone vengono a conoscenza della tua azienda/ prodotto/ servizio. E qui che giace tutta la parte di marketing relativa alla promozione, i social media, gli eventi, l’advertising.
    2 FASE. INTERESSE: devi suscitare interesse, le persone ti conoscono ora, per questo e’ bene curare i propri contenuti e dargli sempre valore. Per le iscrizione alla newsletter, per esempio, puoi usare un freebie per catturare l’interesse delle persone, proponi un contenuto di qualita’ e di valore che vada a rispondere ad un bisogno reale e che tu doni GRATUITAMENTE in cambio della loro email.
    3. REPUTAZIONE: ritorniamo al valore. Se il tuo freebie non e’ di qualita’ e non soddisfa un reale bisogno, hai perso clienti. Se invece riesci a dare qualcosa davvero UTILE e lo stai facendo GRATIS, le persone si fideranno di te, e saranno piu’ propense ad acquistare eventuali tuoi prodotti/ servizi. Il tutto vale anche per gli articoli pubblicati, i contenuti condivisi sui social, le relazioni che riesci a stabilire con la tua audience.
    4. INTENZIONE: una volta accresciuta la tua reputazione, e consolidata la fiducia dei tuoi leads, dovrai far scaturire in loro l’intenzione di contattarti, di comprare il tuo prodotto o delegarti un servizio.
    5. VALUTAZIONE: scaturita l’intenzione, cio’ che i tuoi leads faranno sara’ avviare un processo di valutazione, dove magari si guardano in giro e ti comparano con altri. E’ qui che e’ importante tutto il concetto di personal Branding e USP (Unique Selling Preposition). Chiediti sempre perche’ dovrebbero scegliere te e non loro. Un po’ come chiedono ai colloqui di lavoro 🙂
    6. ACQUISTO: Se il tutto e’ proceduto bene, il cliente acquista. Questa e’ la fase finale, che non dovra’ deludere e anzi rispettare le aspettative create.

    Lo scopo di un Funnel e’ proprio quello di accompagnare i tuoi leads a compiere questo percorso.

    La valutazione parte sempre dalla definizione di METRICHE, che in questo esempio possono essere le vendite effettuate o i leads generati. Il tuo Funnel ha portato risultati soddisfacenti? Hai raccolto tanti leads ma nessuna vendita?

    Se non stabilisci degli obiettivi, e delle metriche (quindi strumenti di valutazione adeguati) che ti aiutino a comprendere l’andamento della tua strategia, non andrai lontano.

    Nell’esempio proposto, i tool di email marketing offrono un analytics interno per monitorare le campagne (quanti utenti aprono le mail, quanti cliccano sui link inviati ecc) e questo ti puo’ dare un aiuto per capire l’efficacia o meno delle tue campagne mail.

    Spero di essere stata esaustiva e averti aiutata a capire meglio come utilizzare ed impostare il tuo funnel 🙂

    Ad Maiora!

    Stefania- Lady Marketer

Stefania · 16/02/2018 alle 12:59 PM

Grazie mille per il tuo articolo Stefania! È stato interessante lavorare insieme all’intervista

    Lady Marketer · 17/02/2018 alle 4:34 AM

    E’ stato un piacere per me!
    Spero possa essere l’inizio di collaborazioni future e, in ogni caso, in bocca al lupo per i tuoi progetti!
    Portali avanti con la determinazione che ti contraddistingue 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.