fbpx
Seguici

Guadagnare online non e’ solo possibile ma addirittura alla portata di mano, ops, di click.

Era il 2012, avevo appena finito il liceo e mi ero appena iscritta all’Universita’.

Sono sempre stata forse un po’ particolare, forse un po’ troppo ambiziosa, ma per fortuna sono cresciuta in una famiglia dove questo non era una colpa.

Ricordo ancora agli open day universitari, il ragazzo dell’orientamento ci fece dare un’occhiata ai corsi offerti dall’universita’ in questione, le varie tematiche affrontate, le materia e gli sbocchi professionali.

Io ero balzata agli sbocchi professionali: io sapevo dove volevo arrivare, dovevo capire quale strada mi ci portava.

Il ragazzo mi rimprovero’: forse e’ un po’ presto per vedere le carriere, guarda prima i corsi.

“Io so quello che voglio fare, devo capire quale corso mi offre il migliore sbocco”

Il tizio ci rimase un po’ di sasso, sorrise, e alla fine non ebbe nulla da obiettare.

Perche’ ti racconto questo?

Perche’ e’ importante avere chiaro un obiettivo e prendere il percorso piu’ adatto al suo raggiungimento.

Ma cosa centra con l’importanza di guardare il web con occhi diversi?

Ora te lo spiego.

Il web, non finiro’ mai di dirlo, e’ una risorsa ESPONENZIALE.

Ha innanzitutto portato una rivoluzione, piu’ di tutte, nella nostra societa’: HA ANNIENTATO LE BARRIERE ALL’INGRESSO.

Tutte possono aprire un sito web, un e-commerce, una pagina social e costruirci un Business.

TUTTI. E a costi quasi ridicoli.

Guadagnare online forse non e’ mai stato cosi’ semplice, e offre tantissimi strumenti e risorse utili per iniziare ad approcciarci a questo mondo.

Il web non e’ solo cercare informazioni su Google o farci gli affari degli altri sulle piattaforme social.

Internet ti permette di fare cio’ che vuoi, da dove vuoi, quando vuoi:

corsi online, siti d’incontri, video, giochi, film, forum, libri, aziende, business, consulenze, freelancer.

E’ tutto online.

E tutti possono essere online: chi, al giorno d’oggi non ha accesso ad un computer o una rete wifi?

Ecco, allora oggi voglio invitarti a guardare internet con occhi diversi, come un’opportunita’, e non piu’ uno strumento utile solo a passare il tempo quando ti annoi o sei sul treno per andare a lavoro.

Potremmo laurearci, aprire business, promuovere aziende, imparare nuove skills e conoscenze e metterle al servizio di altri.

Si, ma come?

Le strade del signore sono infinite ma qui di seguito ho fatto una selezione per te, per aiutarti a comprendere come ottimizzare le tue risorse, perche’ anche se siamo sempre a lamentarci, dobbiamo riuscire ad avere la lucidita’ di guardare oltre.

C’e’ una rivoluzione in corso la’ fuori: in Italia arriviamo sempre un po’ dopo ma e’ ormai un qualcosa che non si puo’ piu’ ignorare neanche qui, nel Bel Paese.

  1. NOMADI DIGITALI, LAVORA FREELANCE DA OGNI PARTE DEL MONDO!

Mai sentito parlare di nomadi digitali?

Sono persone che hanno mollato il posto sicuro, spesso anche con un indeterminato firmato e si sono concesse la liberta’: la liberta’ di lavorare quando e dove gli pare, sia questo luogo un villaggio della Tailandia, una spiaggia in Mexico, uno Starbucks di New York.

Sono persone che hanno preso le loro passioni e le loro competenze e le hanno messe al servizio di altri su piattaforme come Upwork o Fiverr.

Lavorano sostanzialmente da freelance, offrendo consulenze, o competenze specifiche: grafica, traduzione, scrittura, informatica, social media management, instagram marketing, progettisti, commercialisti, architetti, AVVOCATI!

Si, ci sono anche gli avvocati freelance!

  1. E-COMMERCE E DROPSHIPPING

Per me sono diventati una vera e propria droga.

Il commercio sta cambiando rapidamente e sono sempre di piu’ i consumatori che acquistano online.

Ma hai mai pensato a stare dall’altra parte?

E-commerce e dropshipping sono due modalita’ diverse di fare la stessa cosa: vendere online.

Proviamo a spiegarle brevemente e in maniera molto semplice.

ATTENZIONE: non sto andando a spiegare nello specifico come funziona il singolo metodo proposto, sto dando spunti da cui partire per poi aumentare la propria conoscenza al riguardo.

Se ti interessa una tipologia in particolare SCRIVI NEI COMMENTI!

Potrei dedicare un articolo chiaro e approfondito al riguardo!

E-COMMERCE

E’ un negozio virtuale dove TU dovrai

– scegliere la nicchia in cui vuoi operare (cosa vuoi vendere),

– contattare dei fornitori ( generalmente in Cina) che ti producano e spediscano la merce,

– avere una scorta in magazzino (avere quindi un luogo dove poter tenere la merce),

– un piccolo investimento iniziale per i tuoi prodotti.

Dopodiche’ vai sul sito di Amazon e apri il tuo bel negozietto online: dovrai promuovere il tuo negozio e i tuoi prodotti ma, rispetto ad un negozio offline non avrai alcun costo di affitto, bollette, dipendenti.

Una volta ingranato inoltre, andra’ da solo e tu avrai la tua bella rendita passiva senza muovere un dito.

Sto semplificando per passarti il concetto, non voglio assolutamente dire che sia tutto rose e fiori, o che una volta impostato il negozio online non dovrai piu’ lavorare in vita tua MA vedila cosi’: un E-commerce ha un raggio d’azione praticamente ILLIMITATO.

Non avrai piu’ a che fare con la fettina di consumatori che vivono vicino al tuo negozio e magari acquistano.

I tuoi clienti possono essere potenzialmente MILIARDI, nello stesso momento.

Il potenziale di un e-commerce e’ pressoche’ illimitato, se poi hai dimestichezza con l’inglese hai fatto il botto.

Mettiti in un’ottica MONDIALE.

Lo vedi il potenziale?

Pensa anche solo alle PAGINE VETRINA su Facebook. Ci sono ancora pochi negozi che sfruttano questo strumento per poter vendere direttamente sul loro profilo.

Mi spiego meglio: queste persone hanno un negozio (o producono che so, oggetti fatti a mano) aprono una pagina Facebook, la promuovono e offrono vendite in tutta Italia.

Quanto ti costa aprire una pagina Facebook?

ESATTO. ZERO.

Se pero’ l’idea dell’investimento iniziale ti spaventa e ancora di piu’ non sapresti a chi rivolgerti per spedire la marce e trovare i fornitori, forse potresti valutare il dropshipping.

DROPSHIPPING

Che cos’e’?

E’ sostanzialmente un e-commerce con l’unica ENORME differenza che tu diventi il tramite tra un’azienda che gia’ produce quel prodotto ( e che tu hai deciso di vendere) e chi lo acquista.

Non dovrai acquistare la merce, non dovrai avere a che fare con le spedizioni.

Tutto cio’ che dovrai fare e’ aprire il tuo negozio su Shopify e vendere i prodotti, senza la gestione della merce o delle spedizioni.

Ma dove trovi la merce?

La ricerca dei fornitori, ovviamente rimane, ma per fortuna ci sono siti come Alibaba dove puoi trovare di tutto.

Li contatti, e tac, il gioco e’ fatto.

Costo di ingresso? 20 euro al mese per Shopify.

I contro di questo metodo di vendita rimane il fatto che non avendo tu il controllo del prodotto e della spedizione, dovrai comunque gestire il customer service e quindi rispondere in prima persona di lamentele in caso di mancato delivery, ritardi o sbaglio del prodotto, per esempio.

Detto questo, e’ sicuramente una valida opzione.

  1. AFFILIATE MARKETING

La prima volta che ho incontrato questo termine sono rimasta abbastanza confusa, eppure, in America, ci sono ragazzini che ci fanno i MILIARDI.

Non sto scherzando.

Ragazzini senza lavoro, milionari grazie ad internet.

Di cosa sto parlando?

Di vendita di prodotti altrui, in cambio di una commissione sulla vendita.

Cerco di spiegarmi meglio anche se non entrero’ nel dettaglio.

Le aziende producono dei prodotti, giusto?

Per vendere questi prodotti dovranno affidarsi ai professionisti del Marketing, interni o esterni all’azienda stessa.

Per abbassare i costi del marketing (che costa) ed evitare ogni problematica derivante da una campagna che non ha raggiunto gli obiettivi preposti, decide di affidare i loro prodotti a piattaforme come AMAZON.

Quindi a questo punto del gioco abbiamo due ruoli:

  1. Il Merchant (l’azienda)
  2. Il network (Amazon)

A questo punto entri in gioco tu, l’affiliato.

Amazon offre i cosiddetti PROGRAMMI DI AFFILIAZIONE (non e’ l’unico, ma amazon e’ di certo il piu’ conosciuto) e tu chiedi di entrare a far parte di questo programma, divenendo cosi il ruolo n* 3, l’AFFILIATO.

Ma cosa fa un affiliato?

Semplice!

L’affiliato e’ colui che vende i prodotti di amazon in cambio di una commissione.

Mettiamo che l’azienda in questione produca tende da campeggio e le venda su Amazon per 57 euro.

Di questi 57 euro solo 7 euro sono allocati in Marketing.

Amazon si tiene 2 di questi 7 euro.

L’affiliato guadagna invece 5 euro ad ogni vendita effettuata.

Perche’ esiste tutto cio’?

Perche’ in questo modo l’azienda non detiene piu’ la responsabilita’ di marketing e pubblicita’, e i relativi rischi, scaricandola sul network (Amazon)

Amazon ottiene piu’ prodotti da vendere non deve vendere personalmente i prodotti per generare profitti. (perche’ c’e’ l’AFFILIATO)

L’affiliato, che ha studiato e sa come e dove promuovere un prodotto, ci puo’ guadagnare un sacco di soldi perche’ e’ un business SCALABILE.

Ma dove vendere questi prodotti?

Puoi promuoverli sul tuo blog, sul tuo sito, creare Banner pubblicitari o Facebook ads.

In ogni modo tu voglia promuovere il prodotto avrai bisogno del link di affiliazione (che ti viene dato quando accedi al programma di affiliazione del network)

Il tuo obiettivo sara’ generare traffico.

Ma perche’ e’ scalabile?

Metti che avvii un banner pubblicitario: investi 50 euro e generi un profitto di 100 euro.

Ora, visto che il tuo obiettivo e’ generare traffico e la matematica non e’ un opinione, se investi 100 otterrai probabilmente 200! E cosi via!

Comprendi il potenziale di questo metodo?

La maggior parte dei blogger lo utilizza come metodo di monetizzazione del proprio sito web, altri, che magari hanno un background pubblicitario e creativo puntano solo all’advertising senza possedere alcun sito, altri ancora aprono i cosiddetti MONEY BLOG, strutturandolo come un negozio online e lo riempiono di prodotti in affiliazione.

Esempi: hai un travel blog? Potresti iscriverti ai programma di affiliazioni di Booking.com e raccomandare hotel e accomodation.

Oppure ancora hai un sito web che cura eventi? Potresti affiliarti a network che sponsorizzano gli eventi sul territorio, raccomandarli ai tuoi lettori e ricevere commissioni sui biglietti!

Hai un sito web che parla di fotografia? Puoi affiliarti ad Amazon e vendere i prodotti che recensisci (come per esempio l’ultima fotocamera di Canon) tramte affiliazione!

Insomma, le opportunita’ sono davvero tante, basta cercare (e sapere dove guardare!)

p.s. sto preparando per te un articolo al riguardo, non temere!

  1. BLOG/ SITI WEB

In italia siamo ancora scettici sul mestiere del blogger, eppure, e’ davvero un mezzo potente per monetizzare una passione e costruirsi un brand online, una reputazione, e diventare un punto di riferimento per la nicchia in cui operi.

Un blogger puo’ avviare collaborazioni con altri enti e aziende, vendere infoprodotti, trovare lavoro come consulente per conto di terzi ecc…

Se ben fatto, e se crea a condivide contenuti qualitativi di immenso VALORE e’ una strada.

Io in realta’ trovo sia molto importante al giorno d’oggi avere un blog, specie se, come me, lavori nel mondo del marketing e della comunicazione.

Quando mi propongo alle aziende posso presentare il mio sito come portfolio, quando mi presento come esperta di SMM posso mostrare i miei canali social: e’ un autoreferenza, e parlo coi risultati.

Ma guadagnare online con un blog e’ possibile? beh, si. Ma magari di questo te ne parlo in un altro articolo!

A proposito, se stai trovando questo articolo utile e di valore, ti va di premiarmi con un G+? Ti basta cliccare qui!

A te non costa nulla, per me e’ fonte di soddisfazione e una grande motivazione per fare ancora di meglio!

  1. UNA PAGINA FACEBOOK

Hai gia’ un’attivita’ e vorresti promuoverla online? Oppure sei una professionista di un settore e vuoi costruirti una reputazione online condividendo la tua conoscenza, i tuoi prodotti e servizi?

Aprire una pagina Facebook e’ praticamente a costo zero e puo’ aiutarti ad aumentare clienti e profitti.

E tu hai messo “mi piace” a Lady Marketer?

 

 

  1. INSTAGRAM

No, non sono pazza, si puo’ guadagnare online attraverso Instagram.

Se dai uno sguardo oltreoceano, scoprirai un mondo di teenager che guadagna tramite il proprio profilo Instagram.

Gli influencer sono una realta’ ormai consolidata tanto da far nascere una nuova branchia del marketing: l’INFLUENCER MARKETING.

Se non sai cosa sia te lo spiego brevemente.

Devi sapere che il mondo del marketing non si concentra sulla vendita dei prodotti e servizi.

Certo, questo e’ il fine ultimo di una buona campagna di marketing e di advertising, ma non deve essere il focus principale della nostra strategia.

LE PERSONE NON COMPRANO PRODOTTI E SERVIZI, MA RELAZIONI, STORIE E MAGIA_SETH GODIN

Ecco qui, Seth Godin autore americano ed esperto di marketing in una sola frase ci spiega quale dovrebbe, anzi DEVE essere l’obiettivo di tutti i marketers.

Si, ma cosa centra con l’INFLUENCER MARKETING?

Gli influencer sono coloro che, focalizzandosi su un particolare argomento, hanno ottenuto un cospicuo seguito di followers interessati a loro, a quello che fanno, ai prodotti che suggeriscono.

INSTAURANO UNA RELAZIONE CON I FOLLOWER, riuscendo cosi’ ad INFLUENZARLI.

Gli Influencer hanno in qualche modo rimpiazzato i TESTIMONIAL ( ricordi George Clooney e Nespresso? What else?)

I grandi Brand lo hanno capito e lo hanno saputo sfruttare.

Lo vedi? anche sul campo della pubblicita’ le barriere all’ingresso si sono ridotte al minimo!

Prendiamo Chiara Ferragni, la conosciamo tutte.

Tanti la criticano ma voglio vedere quanti di questi sono riusciti a creare un business da ZERO che in pochi anni frutta MILIONI DI DOLLARI DI FATTURATO ALL’ANNO.

Chiara era una ragazza come tante, come me e te.

L’unica differenza e’ che ci ha visto lungo, ha avuto un’idea ed e’ riuscita a sfruttare gli strumenti a disposizione per creare un IMPERO.

Bionda, ma non stupida signore.

Ora mi dirai, si ma Chiara Ferragni ha milioni di Followers!

Si, vero, ma sappi che per essere considerata un Influencer te ne bastano molte meno.

Gia’ a 10.000 followers riesci a fare I soldi: essere contattata dai Brand e contattare tu in persona le aziende.

Poi, ci sono piattaforme come ETRIBE a cui puoi accedere con un minimo di 3000 followers e iniziare a guadagnare online partendo da un tetto minimo di 75 dollari a foto ( dipende dal numero dei tuoi followers, piu’ ne hai piu’ puoi chiederne)

Se ti interessa l’argomento Instagram, pubblichero’ presto qualche articolo al riguardo!

  1. LINKEDIN

LinkedIn e’ il social network dedicato al mondo dei professionisti, del lavoro.

Le aziende sono su linkedIn ed e’ importante che ci sia anche tu.

LinkedIn non serve solo quando cerchi lavoro, ma anzi, se curato come si deve ( ne ho parlato qui) puo’ aiutarti a creare un network di connessioni profittevole, collaborazioni, partership, altri professionisti con cui condividere conoscenze e passioni!

Il mondo sta cambiando. E’ in atto una rivoluzione.

Questo ormai e’ un dato di fatto.

Ma noi siamo pronte ad affrontarla per trarne vantaggio, guadagnare online e perseguire i nostri sogni e obiettivi?

Abbiamo la giusta mentalita’ per riuscire a vedere oltre la semplice apparenza?

Scrivimi nei commenti!

Ad maiora,

Lady Marketer

 


Lady Marketer

Stefania Cassarino, Blogger, Marketer, Imprenditrice Digitale. A 14 anni apro il mio primo blog, a 16 la mia prima pagina facebook di successo, a 20 anni la mia prima esperienza da imprenditrice. Aiuto le persone a trasformare le proprie passioni in Business e dar loro l'asset giusto da cui sviluppare il proprio mindset e la propria strategia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.